image_pdfimage_print

PREPARAZIONE: 20 min    COTTURA:     DOSI PER: 12 tartufi

Eccoti una ricetta semplice e veloce per preparare dei dolcetti intriganti e golosi senza dover accendere i fornelli.

I tartufi classici, si sa, sono a base cioccolatosa e io non mi sono sottratta a tal delizia, ma ho voluto impreziosire la preparazione aggiungendo un ingrediente esclusivo come il tè matcha, considerato un vero super food grazie alle importanti sostanze nutritive che contiene.

Il Matcha è considerato il te verde giapponese per eccellenza, è molto rinomato, coltivato in condizioni climatiche specifiche e lavorato secondo metodi tradizionali antichi.

In questa preparazione mi sono  permessa di unirlo al cacao amaro – altro ingrediente ricco di antiossidanti – per insaporire l’impasto di base realizzato con datteri e anacardi frullati.

Pochi ingredienti scelti, che mixati insieme mi hanno permesso di ottenere questi tartufini green, adatti per uno spuntino spezzafame, ma che possono essere anche serviti come dessert a fine pasto.

Ingredienti per 12 pezzi

  • 90 gr di datteri snocciolati
  • 90 gr di anacardi
  • 2 cucchiaini di cacao amaro in polvere
  • 2+2 cucchiaini di te’ verde matcha in polvere
  • 2 cucchiaini di zucchero di canna integrale

Procedimento

  1. Lascia in ammollo i datteri snocciolati un’ora in acqua tiepida.
  2. Scola i datteri e frullali insieme agli anacardi, in modo da ottenere un impasto denso e compatto ma lavorabile.
  3. Aggiungi 2 cucchiaini di cacao amaro e due cucchiaini di te’ verde matcha e mescola con un cucchiaio in modo uniforme.
  4. Frulla con un macina spezie i due cucchiaini di zucchero per renderlo al velo e poi aggiungilo a due cucchiaini di te verde matcha, mescola in modo da ottenere un composto omogeneo.
  5. Bagnati leggermente le mani con acqua e forma delle palline di circa 2 cm di diametro con l’impasto; passale successivamente nel composto di te verde e zucchero per la copertura.
  6. Puoi servire subito i tuoi dolcetti o conservarli in frigorifero per qualche giorno.